Una parte degli italiani ha perso il senno a causa del green pass

La parte giusta e il dubbio della follia
La parte giusta e il dubbio della follia
5
(1)

Sono in università, anche se in teoria non potrei starci. Già, perché nel nuovo regime alcuni possono accedere all’istruzione superiore e altri no. L’hanno deciso i ministri, l’hanno deciso i presidenti. A motivare le drastiche misure, esattamente come accadde nel secolo scorso, sono stati gli scienziati. Le loro ragioni, magari questa volta vere (sappiamo bene che quelle del secolo scorso non lo furono) ci fanno sentire sicuri, ora, che la società è spaccata.

Ci fanno sentire sicuri mentre beviamo un caffè nel bar, mentre siamo su un treno veloce o quando andiamo a fare sport. Ci fa sentire sicuri, sicuri di essere dalla parte giusta. Anche gli intellettuali sono dalla parte giusta e infatti di green pass non parlano. Sono in università e sento i loro dialoghi. Intellettuali? Forse no, forse è meglio chiamarli esperti del passato, persone che si sono perse laggiù e che qui, nel presente, non hanno nulla da dire.
Vorrei parlare loro, chiedere se trovano normale tutto questo e già so la risposta: “E’ solamente una misura sanitaria”.

È una misura emergenziale quella di oggi, quella di domani e quella di ieri. E allora spacchiamo la società, per via di queste misure emergenziali, permettiamo che l’odio dilaghi fra le persone, che non vi sia null’altro che l’adesione o la ribellione, senza mezze misure. I professori d’oggi io li sentivo parlare delle loro cose, della storia moderna, dell’articolo che stava per uscire. Gli studenti li vedevo felici sul prato ed ero contento di ciò. È giusto, se lo meritano, è bello. Poi penso che loro entreranno per seguire le lezioni e io non potrò, non in via ufficiale, perché non ho aderito al regime e non ho la tessera verde.

È molto interessante vedere come nello stesso luogo possano convivere persone differenti, con idee diverse. Loro che pensano, per via della martellante propaganda dei media, che dei no-vax si aggirino loscamente per la città, ungendo i muri di virus, sputacchiando virus, allevando quel virus in modo da renderlo più letale e far morire le persone. Io, dal canto mio, vedo una innocente indifferenza e una malsana complicità ad un sistema totalitario che avrà il tempo di mostrarsi in tutta la sua possenza e intolleranza.

Ma magari sono pazzo, siamo diventati pazzi in tanti, siamo folli e folli sono le nostre teorie, folli sono i nostri incubi e il senno ci ha abbandonati. Siamo persone senza più ragione, convinte di vivere in una immotivata distopia, il cui scopo non può essere il benessere delle persone. Magari sì, sono semplicemente impazzito e sono impazziti tanti intellettuali che venivano rispettati fino a poco tempo fa. Al che mi chiedo, se così fosse, perché non si sono ascoltati quegli psicologi che dicevano che il lock down avrebbe portato ad avere problemi psicologici, e che forse non ne valeva la pena di farlo, perché i costi da pagare sarebbero stati altissimi.

Ma no, non si sono ascoltati, sono stati ignoranti nel più arrogante dei modi e il risultato è questo: una notevole percentuale degli italiani è ora pazza, convinta di vivere in un regime totalitario, preoccupata per il proprio futuro e per la propria incolumità. Già, perché noi siamo tutti pazzi che viviamo in una realtà differente, che non ci accorgiamo che il green pass è come la patente, che non ci accorgiamo che la nostra libertà finisce dove inizia quella degli altri, che non sappiamo stare in una società fatta di diritti ma anche di doveri. E vaglielo a spiegare a quei semi-umani, a noi folli, che non abbiamo basi scientifiche, che siamo ignoranti, che non abbiamo valori morali, che crediamo alle fate e ci informiamo solo sulle fake news.

La frattura sociale oggi è trasversale e spacca la società come non mai. Poliziotti, medici, avvocati, professori (questi in realtà sono piuttosto allineati), studenti, genitori. Persone di tutte le età che sono accusate di esser dissennate, persone che prima si stimavano sono dunque divenute folli e vivono in un mondo terribile, fatto di paragoni con tempi oscuri. Emeriti professori che si dimettono, altri che dichiarano di non essere d’accordo, altri ancora che firmano lettere collettive.

Questi folli sono persone deboli e antiscientifiche, persone che non sanno fidarsi della scienza, persone che non possono essere un esempio, un buon esempio. Sono tutte folli, siamo tutti pazzi: sono folli quelli che stanno pensando di emigrare, folli quelli che cercano modalità di vita fuori dalla società, dal sistema, sono folli quelli che rinunciano al proprio lavoro pur di mantenere la dignità e non diventare collaborazionisti del nuovo regime. Siamo folli, folli e tristi, folli e arrabbiati, folli e senza parole.

E gli altri, gli altri che sono sani, normali, col senno e con basi scientifiche, che si fidano della scienza, e che razionalmente escludono qualsiasi teoria non ufficiale con la banale etichetta del complotto, si mettono mai in dubbio o sono sicuri, sempre sicuri, di essere dalla parte giusta?

Votalo e aiutami a migliorare!

Rating medio 5 / 5. Numero di voti 1

Nessun voto per il momento, vuoi essere il primo?

Clicca sul tuo social preferito.

Resta aggiornato!

Vuoi sapere quel che succede su 9minuti.it?
Ogni tanto nuovi articoli, racconti, riflessioni.

Inviamo solo contenuti ben fatti, niente spam. Privacy policy per maggiori informazioni.

Cosa ho sbagliato?

Hai qualche consiglio per migliorare la qualità?

Alessandro Oppo

Alessandro è un milanese che vorrebbe scappare da Milano, è appassionato di informatica ma vorrebbe vivere senza telefono, è un artigiano eppure vorrebbe robotizzare tutto, impara una cosa e già vorrebbe studiare dell’altro. Autodidatta da sempre, gli piace sbattere la testa finché tutto non funziona come vuole lui, spesso ci riesce anche! Il motto che si ripete dentro la testa è: “Se ci sono riusciti gli altri ci posso riuscire anche io”.

Potrebbero interessarti anche...

2 risposte

  1. df ha detto:

    ma vaccinatevi e scassate poco la minchia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.