Un anno sull’altipiano, un libro di Emilio Lussu

Un anno sull'altipiano
Tempo di lettura: 2 minuti

Benvenuti su 9minuti.it, oggi vi parlerò dell’ultimo libro che ho letto.

Si intitola ‘Un anno sull’altipiano‘ ed è scritto da Emilio Lussu.

Molti di voi lo conosceranno sicuramente, magari ve l’hanno fatto leggere a scuola oppure ne avete solamente sentito parlare.

È un libro che assomiglia molto ad un diario, in cui sono raccontate in maniera ironica e tragica le memorie di un ufficiale che ha avuto la sfortuna di combattere contro gli austriaci durante la Grande Guerra.

Una guerra di trincea dove si avanza di pochi metri alla volta, dove si gela di freddo e quando si muore è spesso e volentieri per mancanza di organizzazione.

Il cosiddetto ‘fuoco amico‘ è quello che miete più vittime da entrambe i lati della trincea.

Un anno sull'altipiano - Monte Zebio

Un anno sull’altipiano – Monte Zebio

L'articolo più letto...


Alessandro Barbero Time line 1024

 

Un anno sull’altipiano e l’alcol

Per sopravvivere, per non fuggire durante i folli assalti comandati da generali dal pugno di ferro e il cervello di fango, è necessario bere.

Non si farebbe la guerra, dice uno dei personaggi, se non ci fosse l’alcol e, l’intero libro, ne è intriso.

Bevono i generali che sanno di mandare a morire i propri uomini; bevono i soldati che altrimenti diserterebbero per la paura; bevono i nemici le pochissime volte che riescono a scorgerli al di là delle trincee.

Si beve per dimenticare gli amori lasciati andare, si beve per allontanare il terrore della morte e per non impazzire.

Astemio, fra tutti, è proprio l’autore delle memorie che racconta con lucidità, ironia e sarcasmo una guerra atroce e insensata a cui pochissimi scampano.

Muoiono i suoi inferiori, i suoi superiori, i suoi amici.

La guerra non ha preferenze, tranne, forse, per il Generale Leone, il quale è odiato da tutte le sue truppe eppure sembra baciato dalla Fortuna.

Consiglio il libro perché, oltre a raccontare con un certo realismo fatti veramente accaduti riesce, nonostante il tema pesante, a strappare dei sorrisi e qualche volta anche delle risate.

 

Spero via sia piaciuto e che vogliate condividere questo articolo per supportare il blog.

Spero che questa mini recensione vi abbia invogliati a leggerlo), vi lascio i link ad Amazon per sostenere il blog.

Se invece l’avete già letto fatemi sapere nei commenti cosa ne pensate, grazie.
Alessandro

 

Alessandro

Alessandro è un milanese che vorrebbe scappare da Milano, è appassionato di informatica ma vorrebbe vivere senza telefono, è un artigiano eppure vorrebbe robotizzare tutto, impara una cosa e già vorrebbe studiare dell’altro. Autodidatta da sempre, gli piace sbattere la testa finché tutto non funziona come vuole lui, spesso ci riesce anche! Il motto che si ripete dentro la testa è: “Se ci sono riusciti gli altri ci posso riuscire anche io”.

Lascia una recensione

avatar

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami
Scroll Up