Sensore di prossimità ad ultrasuoni HC-SR04

Sensore di prossimità ad ultrasuoni HC-SR04

Ben ritrovati su 9minuti.it, oggi vedremo quello che è a mio parere uno dei sensori più versatili e divertenti da usare, ovvero il sensore di prossimità ad ultrasuoni HC-SR04.

Il sensore ad ultrasuoni HC-SR04 è composto da due ‘occhioni’, uno dei quali invia un’onda sonora, la quale rimbalza sulla superficie che si trova davanti e viene letta dall’altro ‘occhio’.

Se mi chiedessero quali sono i limiti del sensore ad ultrasuoni HC-SR04 risponderei che non fa il caffè.

Un limite che ho riscontrato, oltre ovviamente a non passare i vetri e non fare il caffè, cosa piuttosto ovvia, è che se posto contro una superficie molto irregolare, come ad esempio un maglione di lana a maglie larghe, smette di funzionare.

La lana infatti assorbe le onde e impedisce a queste di rimbalzare.

La precisione è notevole e su distanze di circa un paio di metri ha una tolleranza di pochi centrimetri.

Il collegamento

 

Sensore di prossimità ad ultrasuoni HC-SR04

Sensore di prossimità ad ultrasuoni HC-SR04

Lo sketch

Passiamo ora allo sketch e alla spiegazione riga per riga.

1 – Definiamo il pin 11 con il nome ultrasuoni_out
2 – Definiamo il pin 12 con il nome ultrasuoni_in
3 – Creiamo la variabile di tipo float durata
4 – Creaiamo la variabile di tipo float distanza
8 – Dichiariamo che il pin ultrasuoni_out verrà usato come OUTPUT
9 – Dichiariamo che il pin ultrasuoni_in verrà usato come INPUT
11 – Chiamiamo il metodo begin() dell’oggetto Serial per far partire la comunicazione seriale.
16 – Accendiamo il pin ultrasuoni_out
17 – Delay di 10 millisecondi
18 – Spegnamo il pin ultrasuoni_out
20 – Assegnamo alla variabile durata il valore restituito dalla funzione pulseIn(), la quale tiene conto del tempo in millisecondi da quando il pin è su HIGH e poi nuovamente su LOW. Se vi interessa approfondire QUA ci sono maggiori informazioni.
21 – Sapendo qual è la velocità del suono (0.034) e il tempo che le onde sonore hanno impiegato (durata) possiamo ricavare la distanza percorsa. Dividiamo per due perché abbiamo sia un’andata che un ritorno.
23, 24 – Facciamo una stampa sul Serial Monitor della nostra distanza appena calcolata.
26 – Delay di 100 millisecondi

Divertiamoci con il sensore di prossimità ad ultrasuoni

Non ci resta altro da fare, ormai abbiamo capito come utilizzarlo e lo possiamo impiegare in uno dei nostri progetti con Arduino.

Un esercizio carino che prevede l’utilizzo di questo sensore consiste nel illuminare un led a seconda di quant’è la distanza, utilizzando quindi gli if e gli else.

Ad esempio,

Ovviamente dobbiamo ricordarci di aggiungere il pin 13 come OUTPUT nel setup().

Se ti è piaciuto l’articolo ti prego di farmelo sapere nei commenti e di condividerlo sulle tue pagine social in modo da supportare il blog.

Vi ringrazio per l’attenzione e rimango a disposizione per aiutarvi nel caso doveste averne bisogno.

Alessandro

Alessandro

Alessandro è un milanese che vorrebbe scappare da Milano, è appassionato di informatica ma vorrebbe vivere senza telefono, è un artigiano eppure vorrebbe robotizzare tutto, impara una cosa e già vorrebbe studiare dell’altro. Autodidatta da sempre, gli piace sbattere la testa finché tutto non funziona come vuole lui, spesso ci riesce anche! Il motto che si ripete dentro la testa è: “Se ci sono riusciti gli altri ci posso riuscire anche io”.

Potrebbero interessarti anche...

Cosa ne pensi? Fammelo sapere con un messaggio

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: