Elaborato Multimediale

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

 

titolo

La mia esperienza lavorativa

Ho lavorato dal marzo del 2010 fino a ottobre del 2015 presso l’agenzia di viaggi eDreams S.R.L. come tecnico informatico.

La sede milanese, in cui ho lavorato, era composta da un centinaio di dipendenti e da altrettanti client (desktop, laptop e smartphone).

La mia mansione è stata inizialmente incentrata sull’help-desk, ovvero l’aiuto ai dipendenti ogniqualvolta ce ne fosse stato bisogno.

In particolare mi occupavo che tutti i device client usati dagli utenti fossero funzionanti sia dal punto di vista software che da quello hardware (contattando i vari fornitori per eventuali cambi).

lavorato

Durante tutto il percorso lavorativo ho dovuto relazionarmi con i dipendenti, con i miei superiori in Italia e con i colleghi sparsi in giro per l’Europa (principalmente Spagna, Francia, Svezia e Inghilterra).

Dopo i primi due anni mi sono state affidate anche altre mansioni: ho avuto modo di vedere come funzionavano le Active Directory di Microsoft e i vari servizi essenziali per le LAN aziendali (DNS, DHCP, WSUS, antivirus centralizzati, etc).

Durante questo periodo mi si è data più libertà di importare novità tecnologiche all’interno dell’azienda, come ad esempio software specifici che semplificavano il lavoro dell’ufficio tecnico o che rispondevano meglio alle esigenze dei dipendenti.

In tutti i cinque anni è stato molto importante pensare in maniera analitica, soprattutto sfruttando e migliorando le capacità di problem-solving, le quali mi hanno permesso talvolta di affrontare degli imprevisti in maniera particolarmente creativa.

imparato

 

Assieme al consolidamento di alcune nozioni tecniche ho avuto modo di apprendere sul campo anche tante altre conoscenze.

Lavorando in una multinazionale ed avendo contatti con i colleghi all’estero (anche videochiamate) ho rafforzato il mio inglese.

L’aver firmato diversi tipi di contratti all’interno dell’azienda (due volte un contratto a progetto e poi l’indeterminato) mi ha consentito di aver coscienza dei miei diritti ma anche dei doveri.

Esperienza Laboratorio artigianale di Zaini militari

zaini

Ho imparato, da autodidatta, a progettare e costruire zaini militari ed equipaggiamento sportivo di alto livello.

Ho trasformato questa attività in una prova di attività imprenditoriale accettando alcuni lavori su commissione.

Ho imparato a gestire un magazzino e a relazionarmi con i clienti.

L’esclusiva parte di progettazione e ricerca l’ho svolta a tempo pieno una volta abbandonato il mio primo lavoro.

La mia idea iniziale era quella di aprire una ditta in accordo con l’art. 41 della Costituzione italiana. (L’iniziativa economica privata è libera.)

Non avendo ancora un progetto veramente valido ho deciso di aspettare.

smileback

Tornato a scuola e spinto da un mal di schiena lombare cronico, ho progettato uno schienale che rende le sedie di scuola ergonomiche e vi ho inserito all’interno un microcontrollore dotato di connessione Wireless e Bluetooth.

Otto sensori di forza/pressione monitorano la postura e degli attuatori avvisano l’utente che ha assunto una postura incorretta.

Ho collaborato con un posturologo e mi sono studiato attentamente le norme sulla seduta indicate dall’INAIL.

spinaDorsaleHo dovuto informarmi riguardo alla proprietà intellettuale perché lo schienale è stato rilasciato con la licenza Open Hardware del Cern di Ginevra anziché essere stato brevettato in maniera tradizionale.

Questa licenza permette a chiunque di costruirsi il proprio schienale e prevenire il mal di schiena in modo gratuito.

Questa scelta è in linea con l’art. 32 della Costituzione.

La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti.

In tutta questa avventura mi è stato di grandissimo aiuto il compagno di classe e amico Alessio Ciferri con sui sono andato a Roma a esporre il progetto per tre giorni alla fiera europea Maker’s Faire.

Abbiamo riscosso un graditissimo successo e lo sviluppo sta continuando.

Esperienza 9minuti.it

cropped-banner-2.png
Essendo un divoratore di libri e divertendomi a scrivere narrativa, ho aperto un sito web dove parlare di ciò che faccio.

Ho iniziato a curare 9minuti.it nel marzo 2018 e ho ora una media di 50 visitatori giornalieri, 1500 mensili.

stats

Sul sito fornisco assistenza tecnica ai visitatori sui temi di cui tratto (al momento principalmente Arduino e stampa 3D).

Per far questo ho dovuto studiare come funziona il mondo della SEO e le leggi che bisogna rispettare per poter scrivere su Internet.

Mi riferisco in particolare alla Cookie Policy e la discutissima GDPR che sono in accordo con il quindicesimo articolo costituzionale.

La libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili.

La loro limitazione può avvenire soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria con le garanzie stabilite dalla legge.

lasciato

Ho lasciato la scuola nel 2010, praticamente in concomitanza con la mia prima assunzione.

I motivi che mi hanno spinto ad allontanarmi dal percorso di studi sono stati di carattere economico/famigliare, ma anche dovuti ad una mia incapacità a relazionarmi con il percorso didattico.

ritornoScuola

Sono tornato a scuola a settembre del 2018 perché desideravo poter accedere all’università in accordo con l’art. 34.

La scuola è aperta a tutti

Alessandro

Alessandro è un milanese che vorrebbe scappare da Milano, è appassionato di informatica ma vorrebbe vivere senza telefono, è un artigiano eppure vorrebbe robotizzare tutto, impara una cosa e già vorrebbe studiare dell’altro. Autodidatta da sempre, gli piace sbattere la testa finché tutto non funziona come vuole lui, spesso ci riesce anche! Il motto che si ripete dentro la testa è: “Se ci sono riusciti gli altri ci posso riuscire anche io”.

Cosa ne pensi? Fammelo sapere con un messaggio

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: